La Fine del Mondo (2013) – Recensione e trailer

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 4,00 su 5)
loadingLoading...
the world s end pegg movie

La fine del mondo è un film del 2013 diretto da Edgar Wright, scritto dallo stesso Wright e da Simon Pegg. Interpretata da Pegg e Nick Frost. Capitolo conclusivo della cosiddetta Trilogia del Cornetto.

Vivace commedia che mette da parte i perbenismi per far spazio ad una comicità sopra le righe.

Cinque amici si riuniscono per tentare di completare il percorso di bevute lasciato in sospeso 20 anni prima; ma qualcosa è cambiato nel loro paesino natale…

Edgar Wright riesce ancora una volta ad architettare una commedia brillante e provocatoria, grazie a un tema banale, ma trattato senza superficialità. Dichiaratamente anti-borghese, riesce a raccontare in modo epico quella che, soltanto in apparenza, è una semplice sbronza.

Con una trama suggestiva, in cui anche i dettagli sono curati alla perfezione, la tensione cresce di pari passo con il tasso alcolemico dei personaggi, interpretati da Simon Pegg (che scrive anche la sceneggiatura), Nick Frost, Martin Freeman (Sherlock, Serie Tv). Nel cast, composto prevalentemente dai fedelissimi di E. Wright, uno dei registi più sottovalutati nel suo genere, si distinguono anche Rosamund Pike (La morte può attendere, Il caso Thomas Crawford) e Steve Oram (Due killer in viaggio, film prodotto dallo stesso Wright).

La fine del mondo, non è soltanto puro intrattenimento cinematografico, ma vuole esplorare, in modo tutt’altro che semplicistico, la condizione stessa della quotidianità dell’uomo moderno, confrontando i cosiddetti “mostri” (in questo caso robot, ma vale anche per gli zombi de L’alba dei morti dementi), con le persone comuni, la loro vita lavorativa e le loro abitudini. Quello che emerge, è che in fondo, una volta inseriti nel sistema sociale, non siamo poi così diversi da quei mostri che vediamo sullo schermo.

Con questo film si chiude il ciclo della Trilogia del Cornetto e l’impressione è che, sebbene impeccabile da un punto di vista tecnico e artistico, abbia qualcosa da invidiare ai due predecessori, L’alba dei morti dementi e Hot Fuzz.

Ecco infine il trailer del film.

Questo articolo ha 7 commenti.

Lascia un commento