Paura 3D (2012) – Trailer e recensione

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 1,00 su 5)
loadingLoading...
Paura 3D 2012 Manetti Bros film

Paura 3D è un film italiano del 2012 diretto dai Manetti Bros.

Roma. Tre ragazzi decidono di approfittare dell’assenza di un ricco marchese per organizzare una festa nella sua villa. Prima ancora che il party abbia inizio, però, scoprono che il proprietario nasconde un terribile segreto nello scantinato…

La recensione di Paura 3D

Sufficienza risicata, buone intenzioni, ma qualità discutibile. Storia poco originale, ma tutto sommato godibile.

Il cast di Paura 3D è ricco di volti già noti. Dei tre ragazzi, Domenico Diele lo si era visto in A.C.A.B. (e purtroppo recentemente al centro di un fatto di cronaca), e Claudio Di Biagio è uno dei protagonisti della serie Freaks, mentre lo psicopatico marchese è interpretato molto bene da Peppe Servillo, fratello del più celebre Toni. Gli amanti di Freaks avranno sicuramente riconosciuto nel cast anche Claudia Genolini, che qui tuttavia risulta essere poco più che una comparsa. Piccola parte infine anche per Paolo Sassanelli, noto per la serie L’ispettore Coliandro, diretta sempre dai Manetti Bros.

Il trucco, molto credibile considerato il budget limitato, è opera di Sergio Stivaletti, esperto collaboratore dei più grandi registi horror nostrani (Dario Argento su tutti) e che avevamo già citato nel pessimo In the Market. Nota positiva anche per i titoli di testa, opera di Sergio Gazzo, che con l’incipit danno la momentanea illusione che si tratti di un film di qualità.

Ma passiamo al trailer di Paura 3D!

Passando a quelli che sono i lati negativi più evidenti, i dialoghi sono scritti facendo ricorso ad espressioni gergali tipicamente giovanili che ne favoriscono la credibilità, ma che abbassano il livello complessivo della sceneggiatura. Molto male, in alcune circostanze, il montaggio che, soprattutto nelle scene dinamiche, appare quasi amatoriale. Anche il sonoro non è dei migliori: addirittura in un paio di scene i dialoghi sono quasi sovrastati dalle musiche (che vanno dal rap al metal senza alcun senso logico).

Anche a livello narrativo si avvertono evidenti imprecisioni e in alcuni casi si perde quasi totalmente la coerenza temporale. Il budget limitato non può comunque essere un alibi in questo caso, considerato che altre pellicole  hanno fatto molto meglio nelle stesse condizioni.

Tutto sommato il giudizio finale su Paura 3D non è totalmente negativo. Qualcosa di buono c’è, soprattutto le intenzioni, ma resta pur sempre un film quasi amatoriale.

Se però cerchi un bel thriller da vedere, qui ne abbiamo consigliati 5!

Infine qui sotto puoi trovare qualche offerta su DVD horror in vendita!

Lascia un commento