A Ghost Story (2017) – Trailer e recensione

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 4,00 su 5)
loadingLoading...

A Ghost Story – Storia di un fantasma è un film del 2017 scritto e diretto da David Lowery, interpretato da Casey Affleck e Rooney Mara.

Dopo la sua morte, un uomo torna sotto forma di fantasma in quella che un tempo era stata casa sua. Dunque, senza poter interagire con il mondo reale, è costretto ad osservare passivamente al dolore che la sua scomparsa ha provocato nella vita della moglie.

Qui il trailer ufficiale di A Ghost Story! 

La recensione di A Ghost Story, film con Rooney Mara e Casey Affleck

Film surreale e struggente. Mette in mostra aspetti inesplorati, non solo del lutto, ma dell’esistenza stessa dell’uomo. Vedere il mondo da dietro un lenzuolo bianco e abbandonato il vincolo dello scorrere del tempo, infatti, può permettere di dare delle possibili risposte sul senso stesso della vita.

Guardare la morte dal punto di vista opposto a quello a cui siamo abituati riesce a suscitare un vortice di emozioni inconsce dipingendo un quadro della realtà inquietante e angosciante.

A Ghost Story mostra allo spettatore il mondo attraverso gli occhi di un fantasma.

Le interminabili inquadrature tendono a dilatare in modo esasperato il passare del tempo. Inoltre, le splendide immagini, catturate da una fotografia impeccabile, riescono a descrivere, spesso senza l’uso di alcuna parola, le emozioni che il film vuole suscitare.

a-ghost-story-film-recensione trailer

Infine, l’utilizzo di un formato schermo quasi quadrato e decisamente vintage non rappresenta una mera scelta stilistica del regista, ma si colloca all’interno di un ben preciso filone interpretativo che il film vuole suggerire.

La pellicola, diretta da David Lowery, è stata presentata al Sundance Film Festival nel 2017 e rappresenta un esperimento assolutamente originale e sorprendente di cinema indipendente. Non è ancora disponibile la data di uscita nelle sale italiane.

Hai apprezzato A Ghost Story? Cerchi un altro horror alternativo?

Questo articolo ha un commento

Lascia un commento